Perché da ragazzi non si può sognare il posto fisso

Perché da ragazzi non si può sognare il posto fisso

 

http://www.ilfoglio.it/soloqui/3627

 

Sinceramente a quanto riportato dal Foglio non ci avevo pensato.

I giovani devono sognare, ma i giovani del terzo millennio non sono portati a lavorare, non hanno fatto nessun sacrificio e quindi vogliono il posto fisso per non lavorare e farsi i comodi proprio, leggendo il giornale o collegando ad Internet dall’ufficio.

Eh, il posto fisso lo vogliono soltanto nell’impiego pubblico, in quello privato non gli va bene, eppure negli anni sessanta c’era più fiducia nel sistema, quel sistema che i sessantottini hanno tanto criticato e dopo ne hanno fatto parte, guardate quel Mario Capanna in giacca e cravatta.

Guarda i film in bianco e nero di quegli anni e vedrai come si ragionava all’epoca, la fiducia che si aveva, nel film POVERI MA BELLI, (se non vado errato), due coppie senza soldi e senza lavoro, si sono sposati e hanno preso in affitto una casa senza finestra (non ricordo perché, ed è possibile che confonda qualcosa). Hanno trovato lavoro e se lo volevano cambiare, non avevano problemi.

Nel mio paese (San Giovanni Rotondo, il paese di Padre Pio) quattro giovani di Rifondazione hanno messo su una società di guide turistiche, adesso hanno abbinato un’agenzia viaggi.

Perché questi giovani moderni non si creano loro il lavoro?

In America sono capaci di aprisi un’attività in garage, in Italia bisogna fare il cambiamento di destinazione d’uso.

e non dico altro.

 

Francesco Martino

 

 

 

Perché da ragazzi non si può sognare il posto fissoultima modifica: 2009-10-22T23:26:00+02:00da studiomafra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento