La Repubblica vuole ancora essere querelata?

La Repubblica vuole ancora essere querelata?

 

Questa frase ripresa dal sito di Repubblica

 

http://www.repubblica.it/2009/10/sezioni/politica/liberta-stampa-2/mesiano-stampa/mesiano-stampa.html

 

 

“magistrato che lo ha condannato in sede civile al pagamento di 750 milioni di euro alla Cir di Carlo De Benedetti come risarcimento danni per l’acquisizione della Mondadori, riconoscendo il premier colpevole di concorso in corruzione”

Stranamente Berlusconi non è stato riconosciuto colpevole in quanto sono trascorsi i termini e sinceramente mi meravigliano i giornalisti avvezzi a scrivere da tanti anni che commettono ancora di questi errori.

E mi meravigliano ancora i giudici che non hanno letto IL CONTE DI MONTECRISTO, (manco io l’ho letto, per la verità, ma ho visto lo sceneggiato con Andrea Giordana), qui un gruppo di persone di cui un giudice, mettendosi d’accordo, riuscì a condannare il protagonista anche se innocente.

Questi giudici non si possono mettere d’accordo anche loro e condannare Berlusconi in tempi brevi? Perché fanno trascorrere tanto tempo? Perché è innocente? O perché non hanno prove e comunque loro fanno la loro bella figura?

Condanniamolo questo cavolo di Berlusconi, così lo vedremo finalmente in manette e la sinistra si darà pace, senza più congiurare né a livello locale, né a livello nazionale, né internazionale.

A proposito ma De Benedetti non ha accettato l’accordo all’epoca che a Berlusconi andava la Mondadori e lui si prendeva l’Espresso? Adesso quel accordo va a farsi friggere? Quindi Berlusconi diventa padrone anche della Repubblica?

Gradirei che qualcuno mi facesse capire, perché sapete, sono un povero aspirante scrittore di provincia e tante cose non le so, purtroppo per me ho un po’ di intelligenza, lasciate un commento qui sotto anche soltanto per dire, non sono d’accordo con quello che dici.

Francesco Martino

La Repubblica vuole ancora essere querelata?ultima modifica: 2009-10-21T01:45:00+02:00da studiomafra
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento